percorsi nel regno della CARTA – 2° tour

29 Apr
Prima lettura de IL SILLABARIO - Studio Gribaudo, Torino - 23 aprile 2013 © Stefania Monsini

Prima lettura de IL SILLABARIO – Studio Gribaudo, Torino – 23 aprile 2013 © Stefania Monsini

In galleria di LOCANDA DELL’ARTE, dove fino al 30 giugno è in esposizione una  favolosa mostra del Maestro, si possono consultare e acquistare alcuni dei tanti straordinari volumi curati da Ezio Gribaudo, oppure  dedicati a lui e alle sue tecniche, e il libretto ludo-didattico realizzato da Paola Gribaudo per i bambini in visita nel fantastico mondo della sua ARCHEOLOGIA INCANTATA, e non solo… inoltre la più recente opera bibliografica – curata da Marina Rota e con prefazione di Vittorio Sgarbi – che raccoglie e “cataloga”

IL SILLABARIO DI EZIO GRIBAUDO dalla A alla Z

E, mentre il Maestro inaugura un’altra mostra… SMALL ONE, nella serata di sabato 4 maggio la rassegna RIDENTI COLLINE offre un assaggio di Viaggio a New York, 1961 del filmato che a giugno sarà “in esposizione” a New York… e contemporaneamente  “in onda” su SKY ARTE TV.

Il programma delle esplorazione nel “regno della carta” in questo periodo si dipana in un suggestivo susseguirsi e alternarsi di iniziative:

La Rivoluzione arriverà in bicicletta, alla biblioteca del circolo Pantagruel di Casale Monferrato, dove il 1° maggio dalle 21 si alterneranno Daniele Contardo, contador dalla Val Susa e molte altre cose che con il suo organetto diatonico canterà e racconterà le sue “due ruote di Resistenza”, e Angelo Maddalena, poliedrico ed eclettico attore siciliano partito in bicicletta dalla Trinacria che sta battendo le strade d’Italia con uno spettacolo in sostegno della liberazione dell’ecologista svizzero Marco Camenisch.

VI PIACE ? SCRITTURA AD ALTA VOCE, microfestival letterario e poetico a L’Isola Ritrovata di Alessandria (via Santa Maria di Castello, 8 – 3455623292 – isolaritrovata@gmail.com ), nella sua 23esima serata venerdì 3 maggio ospita le scrittrici Elena Aleci col saggio La pecora di Leo e Simona Barugola col romanzo L’ora di middle dawn.

Dorfles  -1GILLO DORFLES, OPERE RECENTI SU CARTA , in esposizione a Mesopica Contemporanea, un piccolo spazio espositivo all’interno di un rustico a pochi chilometri da Milano, in località Spiazzo di Galbusera Bianca nel cuore del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone, è presentata da Luigi Sansone, che spiega: L’opera su carta, eseguita con la tempera grassa all’uovo, matita, pastello, inchiostro o pennarello, è sempre stata coltivata da Gillo Dorfles fin dai suoi esordi d’artista intorno al 1935, permettendogli una resa immediata dell’ispirazione creativa, un’elaborazione approfondita dei propri soggetti anche come studio preliminare di successivi dipinti. E’ particolarmente piacevole osservare l’estro e l’abilità del disegno, le tonalità lineari ed estese dei colori in quel mondo suo personalissimo che ci coinvolge in quanto ritroviamo in esso qualcosa del subconscio di ciascuno di noi. Sono esposte in questa mostra una selezione di opere su carta eseguite negli ultimi anni, che ci danno un panorama sintetico, ma completo, del percorso artistico di Dorfles, dal Movimento d’Arte Concreta, fino ai recentissimi disegni in cui risalta la freschezza nell’accostamento dei colori, nel fantasioso gioco delle linee che confermano la sua attuale feconda creatività in figurazioni misteriose pregne di significato arcano. Inoltre sono presenti in mostra le recenti quattro incisioni della cartella “Interferenze 2”, del 2011, in cui Dorfles con rinnovata ispirazione e con un’entusiastica ricerca di segni ha sperimentato nella tecnica calcografica l’acquaforte e l’acquatinta, creando un originale “quartetto” giocato su uno scambio di colori, come varazioni musicali su un tema di base.

LA FABBRICA DELLA CARTA, XVI edizione del Salone del Libro che si svolge fino al 12 maggio a Villadossola, presenta autori ed editori della provincia del Verbano-Cusio-Ossola e una rassegna di mostre collettive di arte contemporanea nelle sedi espositive di Villa Giulia (Verbania, 26 aprile-12 maggio), Forum (Omegna 27 aprile-12 maggio), Ex Cinema (Villadossola, 28 aprile-12 maggio) e Mastronauta (Omegna, 4-12 maggio)

MUSEO LEONE di Vercelli, dove fino al 2 giugno sono in esposizione alcuni esemplari della raccolta di preziosi volumi che racconta la storia dell’arte tipografica in Monferrato nel XVI secolo, domenica 12 maggio alle ore 15 organizza uno speciale percorso ludico dedicato ai bambini di età compresa tra i 3 e i 6 anni, che vi potranno partecipare su prenotazione ( 3483272584 / 0161253204 / didatticamuseoleone@tiscali.it ) e accompagnati da un adulto, per il quale l’ingresso è gratuito.

TRACCE, SEGNI ed altri sconfinamenti, la mostra che presenta opere grafiche e video di Ivano A. Antonazzo, è in esposizione fino all’8 giugno alla Libreria IL LABIRINTO di Casale Monferrato

In occasione del VII° centenario della nascita di Giovanni Boccaccio, a Firenze fino all’11 maggio 166a Studio D’arte presenta un’esposizione-dialogo di opere in una collettiva a cui partecipano Cinzia Fiaschi e Andrea Mancini.

Nell’itinerario, si possono fare anche alcune “tappe” in luoghi straordinari…

Ad Acqui Terme, dove proprio accanto alla fontana La Bollente, c’è la Libreria CIBRARIO, nelle cui scenografiche architetture si possono trovare volumi d’arte di pregio, e non solo…

Biblioteca del Seminario di Casale Monferrato

Biblioteca del Seminario di Casale Monferrato

… a Casale Monferrato, alla BIBLIOTECA DEL SEMINARIO, uno “scrigno” in cui sono conservati ed esposti manoscritti e stampe d’epoca di notevole valore e che raccoglie una collezione di libri, anche di recente pubblicazione, che meritano particolare attenzione.

Torchio calcografico "a stella" Karl Krause

Torchio calcografico “a stella” Karl Kraus

Inoltre a Palazzo Labar, dove c’è il Museo della Stampa allestito dall’artista – nel 1980 nominato Accademico dell’Accademia delle Arti dell’Incisione e dell’Associazione Nazionale Incisori Italiani – che dal 1976 ricerca, raccoglie e restaura antiche  macchine da stampa, i “torchi a braccia” che adopera per stampare le proprie incisioni: un calcografico Karl Kraus della fine del 1700, due tipografici Amos dell’Orto del 1800, due litografici di cui un Nebiolo dei primi del 1800 in legno di noce.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: