ATLANTE DELLE NUVOLE

5 Ott

ATLANTE_delle_NUVOLEdal 4 al 20 ottobre 2013 a Casale Monferrato – Palazzo Vitta, via Trevigi

un progetto d’arte ideato da Michelle Hold nell’ambito di Arte & Natura, a cura di ArtMoleto

Carlo Pesce

ARIA, IL QUARTO ELEMENTO

Nessuna estetica ha risolto quel che si dice il mistero

dell’arte, così come nessuna scienza è riuscita

a cogliere dietro gli oggetti, l’essenza delle cose.

Giovanni Urbani

Aria. È inutile cercare di rappresentarla: solo sensazioni, il piacere del vento alla pelle. Si sta immersi in questo elemento senza neanche capire che cosa sta succedendo. Siamo completamente circondati dall’aria, come in un immenso ventre materno nel quale ci muoviamo.

A volte l’aria si tinge di colori, assai spesso si sente dire che …al tramonto l’aria si tinse di rosso, oppure si fa riferimento all’arcobaleno… Quindi l’aria è un elemento instabile, cangiante, imprevedibile, che si sposa con l’opera degli artisti. È una questione di educazione, di saper osservare. Una giornata di primavera limpida e argentina in cui piano piano l’aria si riempie di nuvole che coprono con le loro ampie ombre il paesaggio. Esse passano sui campi, mescolano i colori della natura accrescendo il verde e il giallo. Chi realizza delle immagini in cui l’atmosfera è il centro stesso della rappresentazione sembra voglia continuare a riflettere sulle pagine di un trattato di storia naturale. L’atmosfera e il tempo, particolari che scandiscono i cieli di Poussin o di Constable, di Tiziano o di Rubens. Unire il cielo all’aria, trasmettere a chi osserva qualcosa di impossibile. Posso pensare che la terra o l’acqua o il fuoco possano essere rappresentati, ma l’aria, l’aria no.

Per Cesare Ripa, autore della celebre Iconologia, l’aria è una donna che con entrambe le mani tiene l’iride (l’arco celeste) e ha un copricapo alato, dotato si un becco aperto, ed è vestita di un abito turchino. Quindi essa ha a che fare con il cielo, con l’arcobaleno, con il volo… colori e segni, per questo si può pensare che per descrivere questo elemento si possa ricorrere a tutto.

Per questo, come certi personaggi della Commedia dell’Arte, abbandono per un attimo la giacchetta del critico e mi metto quella del naturalista e, nel vano tentativo di spiegare che cosa si percepisce quando si guarda l’aria, cerco aiuto nella scienza. Faccio questo per rispondere a una possibile obiezione. Infatti, noi concepiamo il reale in base alle sue proprietà oggettive e non per il suo apparire alla vista. Tali proprietà sono però assolutamente esatte, riducibili a precisissimi concetti di peso, misura, volume, energia. Ora, anche ammesso che il pittore non possa prescindere da questa concezione oggettiva del reale, una vota però travalicato il confine del visibile ecco che dovrà lasciarsi trascinare da un’intuizione che lo porterà a confrontarsi con delle immagini che anche noi non vedremo ma intuiamo, forse perché, appunto come l’aria, conosciamo in astratto.

La sostanza più presente nell’atmosfera terrestre è l’azoto. Non sto, perché non ne sono capace, a dire in che modo si leghi a altri elementi, ma aggiungo che nell’aria c’è una buona percentuale di ossigeno e anche dell’argo.

Nell’aria poi ci sono anche altri elementi, per esempio, il biossido di carbonio, il metano, il protossido d’azoto. Tra i gas serra si trovano tracce di biossido di zolfo, l’ozono troposferico, i CFC (clorofluorocarburi), l’esafluoruro di zolfo, insieme a altri in concentrazioni infinitesimali. Interessante è la presenza di numerosi gas che si muovono nell’aria a seguito di fenomeni di combustione e che uniti, per esempio all’ossigeno, si trasformano in acidi.

 Molte delle sostanze indicate in precedenza possono essere considerate tossiche, tuttavia qui vogliamo mettere in evidenza l’esistenza di tutta un’altra serie di sostanze che possono contenere metalli pesanti come piombo, mercurio, boro, nichel. Non dimentichiamoci poi dell’amianto, del benzene, del cloroformio e le sostanza radioattive naturali o dovute alle attività umane (interventi medici, guasto di centrali nucleari, processi industriali).

Infine, perché esso appare come la più affascinante delle sostanze che fluttuano nell’aria vi è il vapore acqueo, determinante per i fenomeni meteorologici poiché è responsabile della formazione delle nubi e delle precipitazioni, è legato alle variazioni della temperatura e assorbe parte della radiazione infrarossa emessa dalla Terra imprigionando calore che altrimenti andrebbe disperso nello spazio. Per tutte queste ragioni viene classificato separatamente, essendo importante distinguere tra aria secca (cioè priva di vapore acqueo) e umida.

L’artista, come chi è abituato a osservare la realtà attraverso il filtro della poesia, intuisce che nell’atmosfera c’è qualcosa di singolare, qualcosa di impercettibile e ineffabile. Egli fa suoi quei processi fisici che sono alla base della nostra esistenza, e proprio in virtù della sua sensibilità e della sua singolarità, li rielabora e cerca di offrirli a chi osserva. Per gli artisti che hanno collaborato per questa ricerca sull’aria, si dovrebbe ricordare che essi hanno condiviso l’idea generale che ogni quadro è un tassello all’interno di un discorso più ampio e ogni lavoro appare come un dettaglio descrittivo, un’impressione visiva – o spirituale – di un paesaggio in termini di colore, non di accumulazione di dettagli e la definizione di ciò che viene trasmesso è subordinata all’effetto globale  e alla descrizione delle forme.

Per concludere, è superfluo sottolineare che il momento originario di questa interpretazione della realtà ha una storia di gran lunga più antica della scienza che, ironicamente, ho cercato di scimmiottare. Il punto su cui conviene richiamare l’attenzione è relativo al modo in cui gli artisti abbiano dato una loro “visione del mondo”, causata da eventi concreti di ordine spirituale, o pratico. La fisica cui ci si rivolge per descrivere la realtà permette di immaginare, di gettarsi su modi diversi in cui ognuno di noi si pone di fronte al reale: il mondo si compone di elementi (tra i quali l’aria) che fanno parte della realtà che ci circonda e per questo possiamo rappresentarla in maniera oggettiva. Pensare alla realtà al di là delle semplici apparenze con cui si mostra è di fatto l’unico modo per concepire la realtà. Gli artisti che hanno realizzato i lavori che completano questo percorso hanno “sfondato un muro dell’invisibile”, offrendo la sensazione di una cosa continuamente offerta alla vista ma mai vista.

atlente-delle-nuvole MITCHELLL’ATLANTE DELLE NUVOLE – romanzo di David Mitchell, 2004

Cloud_Atlas_(film)film scritto e diretto dai fratelli Lana e Andy Wachowski e Tom Tykwer, 2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: